lunedì 30 settembre 2013

FRANCO FRANCHI ovvero CELEBRE MAZURKA (A)VARIATA



(Musica: Augusto Migliavacca;
testo e voce: Franco Franchi, 1965)
(fai clic sul titolo per ascoltarla)

Ecco arrivare l’annunzio: il confronto/ Ecco arrivare la Nunzia col brodo
rimanda il sindaco,/di manzo il sindaco,
ma per chi non si leva la cuffia di polistirolo
ma cuoce l’acredine un po’ peristaltica
simile al grattere (carattere?) sopra gli asparagi
della salsedine che mi scompiffera.
Marco:/manco le bocche nel cielo si vedono
Marco:/manco di simili sibili a rùbili/bùbile (nubile?) perché ...
Non mi contamina l’ulcera gastrica
del vicesindaco:
nel policlinico io son di là.

Quando, allor, perché,
le valute (volute?) dei cubi di ghiaccio di ieri
son l’acqua di oggi.
Chi mi sa dire cos’è?
Chi mi sa dire perché?
È la ...
sotto controllo delle tasse.
Nonostante ciò
sapete quaggiù perché qui non c’è più chi starnuta col naso?
Ditemi perché si fa
ma non si dice “Prendilo, posalo, mettilo qua!”

Ma sul marciapiedi quasi sempre non c’è mai chi cade,
mentre tu ti svegli sempre quando è troppo tardi.
Non dimenticar la prima cosa che ti salta in mente:
corri, cammina e vedrai,
prima, quandunque e giammai,
chi esce e chi gioca a biliardo con te?

Fra il lunedì
e il giovedì
a Mondovì
c’è il martedì,
anche se poi
vedremo che
l’abito a doppiopetto
lo porta solo chi lo vuol portar.



FRANCO FRANCHI
(Genova, 1929 – ivi, 1998)


Sono passati tanti anni, ma lo ricordo ancora bene: uno schermo televisivo in bianco e nero e il primo piano di un distinto signore dal volto impassibile: la testa era immobile, ma la bocca si muoveva a velocità vertiginosa, cantando al ritmo di mazurka (che fosse una mazurka l’ho scoperto molto dopo, allora mica lo sapevo). Dal magma di parole inintelligibili affioravano, come la punta di un’iceberg,  alcuni versi comprensibili:
...
Ditemi perché si fa
ma non si dice “Prendilo, posalo, mettilo qua!”
...
Fra il lunedì
e il giovedì
a Mondovì
c’è il martedì
...
Chi era il cantante? Si trattava di Franco Franchi, cantante e paroliere. L’ho scoperto anni dopo su internet; non senza fatica, perché chiamarsi Franco Franchi non è una buona idea (ci pensino tutti i signori Franchi che stanno per avere un figlio): se lo cercate su wikipedia, di Franchi Franchi ne trovate 5:
Personaggi illustri di nome Franco Franchi:
  • Franco Franchi - attore italiano (1928-1992)
  • Franco Franchi - ciclista italiano (1923)
  • Franco Franchi - (1939 [sic]-1998) paroliere, cantante ed attore, autore di testi per Fabrizio De André ed Enzo Jannacci [Eccolo! È lui!]
  • Franco Franchi - politico italiano (1928-2004)
  • Franco Franchi - (1926-2002), medico endocrinologo, professore universitario e Gran Maestro della Gran Loggia d'Italia degli Alam dal 1995 alla sua morte.
Oggi di lui non si ricorda quasi più nessuno, ma è autore di una prestazione di cui pochi si possono vantare: ha scritto un testo per Fabrizio de Andrè! (E fu la notte, lato B del primo 45 giri inciso dal mitico cantautore genovese).
Franco Franchi ha aggiunto le parole a un brano strumentale che tutti i balerini (ballerini frequentatori di balere) conoscono: la celeberrima Mazurka variata, composta dal violinista ambulante nato cieco Augusto Migliavacca (Parma, 1838 – ivi, 1901), cavallo di battaglia di ogni fisarmonicista che si rispetti.
È un esempio di virtuosismo strumentale che Franco Franchi trasforma in virtuosismo verbale, virtuosismo spinto al punto che, per tentare di decifrare il testo, ho dovuto ricorrere a un programma che rallenta i brani musicali, mantenendo però le frequenze originali. Decifrazione che non ha dato risultati completamente soddisfacenti, tuttavia, a causa della qualità scadente dell’unica registrazione disponibile su internet (fatta su uno di quei registratori Geloso che la mia generazione ricorda bene: io ci ascoltavo, grazie a un amico, le canzoni del Festival di Sanremo che i miei genitori non mi lasciavano vedere in diretta perché, dopo Carosello, si andava tassativamente a letto). Il risultato delle miei fatiche – con qualche lacuna e diversi dubbi – è quello che avete trovato in testa a questo post. C’è qualcuno fra di voi, con l’orecchio più fine del mio, che mi può aiutare a correggere e completare il testo? Mandatemi i vostri suggerimenti.
Alla vertigine delle note turbinose corrisponde la vertigine del testo, un nonsense che diventa tanto più assurdo quanto la musica si fa più veloce:
– le parti più lente contengono lacerti di frasi dotate di significato, incontrovertibili anche se ovvie, legate però fra loro da nessi logici assurdi:
Fra il lunedì e il giovedì a Mondovì c’è il martedì,
anche se poi vedremo che
l’abito a doppiopetto [mi consenta] lo porta solo chi lo vuol portar. (Mi consenta.)
– le parti più veloci, pur mantenendo la struttura di una frase, sono un’accozzaglia di parole scelte a caso:
[...] ma cuoce l’acredine un po’ peristaltica simile al ... sopra gli asparagi della salsedine che mi scompiffera.
Il significante perde il suo significato, la parola si fa mero supporto del suono, la voce perde il suo ruolo comunicativo per diventare semplice strumento musicale.
Possiamo trarre una morale da tutto questo? Certo, miei diletti: se non avete niente da dire, ditelo velocemente!


SITI INTERNET

            L’unica registrazione – restaurata – della canzone presente su Youtube.
            (Versione non restaurata: http://www.youtube.com/watch?v=lY1yJDStFHQ)

Il disco è rarissimo (non ho trovato copie in vendita su internet), ma è presente nelle raccolte della Discoteca di Stato: http://opac2.icbsa.it/vufind/Record/IT-DDS0000112168000200/Details

Il programma per rallentare brani musicali si chiama MP3 Speed: è scaricabile gratuitamente da internet ma – attenzione! – facendolo, io mi sono ritrovato il browser riconfigurato, con la pagina iniziale e il motore di ricerca cambiati; perciò preparatevi, psicologicamente e materialmente, a un paziente lavoro di restauro (internet abbonda, fortunatamente, anche di preziosi consigli per risolvere emergenze come queste).


TI È PIACIUTO?
Condividilo con gli amici usando i tasti sottostanti e soprattutto consigliandolo con Google +1 (tasto g +1). Se consigli i miei articoli con Google +1, migliori il mio posizionamento nel motore di ricerca: grazie in anticipo.

HAI QUALCHE OSSERVAZIONE DA FARE?
Un tuo commento sarà molto gradito.

4 commenti:

  1. era per caso anche l'autore e giudice,di quiz e trasmissioni televisive per lo più condotte da pippo baudo negli anni 70,ed era anche,si fa per dire,una specie di collega/concorrente del più famoso "signor no" (ludovico peregrini) di mike bongiorno...uno con una voce metallica,quasi da robot..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sai tu più di me! Su Wikipedia trovo: "Negli anni '70 si dedica all'attività di autore di programmi televisivi, collaborando con Pippo Baudo per il programma "Un colpo di fortuna" nel 1975." Poi apro il collegamento con "Un colpo di fortuna" e Franco Franchi non figura fra gli autori...

      Elimina
  2. Alessandro Lodi20 agosto 2015 19:59

    Partecipo' anche come arbitro alla trasmissione "La bustarella" condotta da Ettore Andenna su Antenna 3 Lombardia dal 1978 al 1984.

    RispondiElimina

Vai su COMMENTA COME e, se non hai un Account Google o altro, seleziona NOME/URL:
- l’inserimento del nome, vero o di fantasia, è obbligatorio;
- l’inserimento dell’url (indirizzo internet) è facoltativo.
Evita per favore di selezionare ANONIMO: se tutti fanno così non si riesce a distinguere un interlocutore dall’altro.
Poi scrivi il tuo messaggio e premi PUBBLICA.