mercoledì 29 febbraio 2012

ANACLETO BENDAZZI ovvero BAZZECOLE ANDANTI


SUPERBIA
Versi diversi, contro l’ambizione:

Non lasciarti inanimire,
O lettor, da inani mire:
E’ un vantaggio incalcolabile,
Esser uomo in calcol abile.
Perchè infatti accapigliarsi,
S’è poi d’uopo acca pigliarsi?
Chi comincia a litigare,
Dopo alterchi liti gare
(Causa gli emuli, incorrotti
All’aspetto, ma in cor rotti,
E da tempo in crude liti
Come belve incrudeliti)
E’ da tutti allontanato
Come un uomo all’onta nato.
Ed allora l’infelice,
Chè così dirlo in fè lice,
Non trovando al male empiastri,
Se la piglia con gli empi astri!
E, le angosce per finire,
Lo si vede perfin ire
A cercar distillerie
(Oh meschin!) di stille rie...
–  Via, lettor: non è infinito
Il mio carme, ma in fin ito.
Ben l’avrei confezionato,
Fossi pur con fez io nato,
Sol perchè d’ogn’uom perverso
Amo fare un uom per verso.1
Questo il carme; eccoti adesso
La morale unita ad esso:
Ami te teneramente?
Devi allor tener a mente
Che in inverno e in temp’estivo,
Cioè sempre, è intempestivo
Il lasciarsi inanimire
Da fallaci inani mire.
                        C. V. D. [Come volevasi Dimostrare]

(da Bizzarrie letterarie)

1 – Nell’originale: perverso, tutto attaccato. Nel testo ho mantenuto l’ortografia originale: E’ invece di È, invece di , ecc.


[APELLE]

Apelle, figlio d’Apollo, fece una palla di pelle di pollo, e i pesci venivano a galla per vedere la palla di pelle di pollo d’Apelle d’Apollo.

– Ma quel pollo chi mangiollo?
Ecco qua: pel padre Apollo
presto Apelle suo rampollo
cosse il pollo messo a mollo.
Fece poscia un picciol collo
e, trovato un francobollo,
sopra il collo per Apollo
colla colla collocollo.

“Colla colla collocollo”! Signori, di fronte a un verso così non si può proseguire come se niente fosse: bisogna fermarsi e levarsi in cappello.
Fatto? Allora possiamo riprendere la lettura:

Poi dubbioso su quel bollo
portò il pacco pel controllo
alla posta ed inoltrollo...
Con il pollo del rampollo
presto Apollo fu satollo.
O lettor, di rime in ollo
sei tu pure già satollo?
“Fino al collo!” – Sòllo, sòllo:
sonlo anch’io; per cui qui... crollo
con tracollo a rompicollo!!

(inedito, pubblicato in Sulle rime del Don, di Franco Gabici)


ANACLETO BENDAZZI
(Fornace Zarattini, RA, 25 gennaio 1883 – Ravenna, 28 febbraio 1982)

 [...] il più strabiliante e sconosciuto maestro di giochi verbali che abbia avuto l’Italia nell’ultimo secolo: così lo commemorò Giampaolo Dossena su la Stampa (1 marzo 1982). E don Bendazzi le parole le amò davvero: fu insegnante di latino greco ebraico tedesco e, inoltre, conosceva anche copto inglese francese ed esperanto. Ma non era interessato alla letteratura; così diceva ai suoi allievi: “Per la letteratura dovete arrangiarvi con i manuali o coi libri di testo. Oppure, se proprio ci tenete, andate a parlare con chi sa di letteratura. Io non faccio questo tipo di lavoro.” Si giustificava sostenendo che le letterature antiche, per le tematiche scabrose e piccanti, non erano adatte ai seminaristi. Era invece attentissimo alla metrica, che conosceva profondamente (“Al mondo di prosodia e di metrica se ne può sapere come me, ma non di più.”), tanto da arrivare a scrivere a Giovanni Pascoli facendo osservazioni e proposte di modifica ai suoi versi in latino.
Era un poliglotta e insegnava le lingue, ma non le usava: quando un confratello straniero soggiornava in Seminario, don Bendazzi si rendeva irreperibile: “Sono un professore e come tale non sbaglio nemmeno una lettera. Anzi potrei anche scrivere una grammatica intera senza commettere errori. Ma se mi metto a parlare potrei anche sbagliare e allora ricaverei una brutta figura e sarebbe controproducente per la mia immagine di professore.”

Il fatto è che don Bendazzi aveva qualche problema a rapportarsi con gli altri:
1 – Appena ordinato sacerdote fu destinato a fare il cappellano a Santerno, nei dintorni di Ravenna; ma, dopo aver ascoltato un po’ di confessioni durante la Settimana Santa, fu preso dal panico e scappò via, tornando a piedi a Ravenna.
2 – Quando celebrava la messa, saltava sempre l’omelia.
3 – Tutti i giorni, alla stessa ora e con lo stesso percorso, faceva la sua passeggiata, pagando, si dice, per avere la compagnia di don Terzo Benedetti (parroco della chiesa del Suffragio), ma senza scambiare una parola!

In realtà la lingua per don Bendazzi non era funzionale alla comunicazione: era un meraviglioso giocattolo da smontare e rimontare continuamente. All’allora seminarista Francesco Fuschini che lo criticava perché umiliava la parola a struttura e gioco, mentre Dio ce l’ha data per fini ben più alti rispose aspramente: “Somaro, scava dentro e non far l’amore con le belle lettere!”

Don Bendazzi pubblicò un’unica opera, a sue spese: Bizzarrie letterarie; 236 pagine contenenti Migliaia di frasi anagrammate, un migliaio di linee bifronti, molti acrostici, frasi bilingui, bisticci, centoni virgiliani, date bizzarre, mille definizioni argute, echi, etimologie spiritose, frasi correlative, frasi doppie, frasi sibilline, motti, quadrati di parole, scioglilingua, sonetti monosillabici, tautogrammi, versi leonini, stranezze ingegnose d’ogni genere in italiano, in latino (e in altre lingue), creazioni dello stesso Bendazzi e di altri, di argomento sia religioso che profano.
Bazzecole andanti le definisce don Bendazzi, anagrammando il suo nome; bazzecole forse lo sono, andanti certamente no: si tratta di pagliuzze, certo, ma di pagliuzze d’oro.
Bizzarrie letterarie è la Bibbia dei giochi di parole: si fa un anagramma o un palindromo, lo si dice a un amico, e questo risponde, loscamente ilare: “l’ho già sentito, dev’essere nel ‘Bendazzi’”. Infatti l’anagramma c’era, c’era sempre, nel Bendazzi. (Stefano Bartezzaghi)

Don Bendazzi aveva sempre amato i palindromi: Bizzarrie letterarie uscì il 15-1-’51, data palindroma che, conoscendo l’autore, certamente non era casuale. In questo suo amore fu coerente fino alla morte: morì infatti a 99 anni (numero palindromo), appena in tempo per evitare di diventare “secolare” – condizione disdicevole per un ecclesiastico, sosteneva scherzando – il 28-2-’82 (data anch’essa palindroma): non si può dimostrare, lo sappiamo, che Dio esiste, ma questo fatto ne costituisce, indubitabilmente, un forte indizio...
E così, con questa uscita di scena estremamente coerente, don Anacleto Bendazzi andò a raggiungere quelli che considerava i suoi santi protettori: San Matteo, San Mattia, San Giovanni da Capistrano, Santa Maria Maddalena dei Pazzi e il beato Vincenzo Maria Strambi, in saecula saeculorum amens (= matto nei secoli dei secoli).

A novantanove anni suonati aveva l’estro dei sogni e la matematica dei calcolatori. (don Francesco Fuschini)


LETTURE CONSIGLIATE (da cui ho tratto i testi e le informazioni di questo post)

- Anacleto Bendazzi, Bizzarrie letterarie, presso l’autore nel Seminario di Ravenna, 1951(con fascicoli aggiunti nel 1965 e nel 1978).
Il testo, stampato in sole 2000 copie, è quasi introvabile; con molta pazienza e un po’ di fortuna, andando periodicamente su maremagnum.com (come ho fatto io), forse riuscirete a procurarvelo.

- Stefano Bartezzaghi (a cura di), Le stranezze ingegnose di Anacleto Bendazzi - Bazzecole andanti, Vallardi, 1996 (ISBN 88-11-90464-1).
Bartezzaghi ha raccolto in questo libriccino quasi tutti i giochi di parole in italiano di don Bendazzi pubblicati su Bizzarrie letterarie, escludendo quelli in altre lingue e quelli di altri autori. Il libro è esaurito, ma ancora reperibile senza troppe difficoltà nel mercato dell’usato.
           
- Franco Gabici, Sulle rime del don – La vita e giochi di parole di don Anacleto Bendazzi, Ravenna, Edizioni Essegi, 1996 (ISBN 88-7189-233-X).
Bella e approfondita biografia, con in appendice numerosi inediti di don Bendazzi. Il libro, pur con qualche difficoltà, è ancora reperibile.

- Franco Gabici, Don Bendazzi, in Ardis Monthly:
http://www.fannyalexander.org/monthly/attuale/salons.htm


TI È PIACIUTO?
Condividilo con gli amici usando i tasti sottostanti e soprattutto consigliandolo con Google +1 (tasto g +1).

HAI QUALCHE OSSERVAZIONE DA FARE?
Un tuo commento sarà molto gradito.

10 commenti:

  1. gattadapelare1 marzo 2012 20:54

    Caro stonato e senza biella... intanto benvenuto!

    RispondiElimina
  2. Bravo professore col bollitore nel cervello hai fatto un bel castello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appunto: il mio cervello non è bollito - spero - ma in ebollizione!

      Elimina
  3. Se un'ape apatica/posa una natica/sul fior di cardo/diventa un dardo" (TOTI SCIALOJA)

    Ciao Sebastiano, complimenti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un post su Toti Scialoja - ovviamente - prima o poi arriverà.

      Elimina
  4. Complimenti per il post su don Bendazzi; ma è veramente volato in cielo il 28-2-82? incredibile!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto vero: lunedì 28 febbraio 1982, ore 4,30 (i preti sono mattinieri).

      Elimina
  5. Ciao Seba - sono anch'io colpita dal 28-2-82 del don bendazzi... e da tutto il resto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, Marzia, è un'uscita di scena di quelle che non si dimenticano. Io, per parte mia, essendo nato di Venerdì Santo (quando morì Lui), sogno - mi dispiace per i parenti - di morire il giorno di Natale (di un anno ancora molto al di là da venire, si intende.

      Elimina

Vai su COMMENTA COME e, se non hai un Account Google o altro, seleziona NOME/URL:
- l’inserimento del nome, vero o di fantasia, è obbligatorio;
- l’inserimento dell’url (indirizzo internet) è facoltativo.
Evita per favore di selezionare ANONIMO: se tutti fanno così non si riesce a distinguere un interlocutore dall’altro.
Poi scrivi il tuo messaggio e premi PUBBLICA.